Si sveglia dal coma ascoltando musica di Metal Carter, ma poi ammazza tutti gli infermieri

Effetti collaterali. Possiamo definire così il drammatico incidente avvenuto in una stanza di ospedale di Roma.

Un giovane del quale omettiamo le generalità era in uno stato di coma purtroppo da diverso tempo, e non sembravano esserci molte probabilità di risveglio. I suoi amici avevano provato di tutto, anche la classica terapia con la “musica” preferita, ovvero provare a fargli ascoltare alcuni brani in cuffia per vedere le reazioni.

Però dopo aver ascoltato l’ultimo album di Drefgold, il giovane non solo non si è svegliato, ma ha intensificato di molto la sua attività diciamo… di evacuazione intestinale, costringendo gli infermieri a doverlo pulire più volte al giorno.

Ormai rassegnati che non ci fosse nessun altro tentativo da fare, gli amici hanno trovato per caso nei cd musicali, alcuni lavori di Metal Carter aka il Sergente di Metallo aka Death Master aka chiamatelo un pò come volete… e hanno deciso che valeva la pena tentare.

Così nelle orecchie del giovane hanno iniziato a risuonare frasi del tipo:

Stupro mia nonna dentro un bosco le metto nella vagina un poster di Vasco

dammi una trebbiatrice, t’investo, con le tue ossa ci faccio una cornice

Ti dò voce e t’inchiodo su una croce,sei solo un altro da buttare nella fornace

assumo dosi di violenza, aborro il nemico gli sborro in testa con demenza

Ebbene, il miracolo è avvenuto. Queste frasi di pura poesia hanno risvegliato qualcosa nel giovane che ha finalmente riaperto gli occhi.

Ma veniamo agli effetti collaterali, quelli di cui parlavamo all’inizio dell’articolo. Evidentemente i neuroni del ragazzo sono stati scossi a tal punto dalle parole di Metal Carter da prenderle alla lettera.
Così il giovane si è alzato dal letto, ha ammazzato brutalmente due infermieri, un dottore, e ha sgozzato il compagno di stanza con il tubicino dell’ossigeno.

Effetti collaterali. (potrebbe anche essere un idea per il titolo del prossimo album di Metal Carter…)

Metal Carter

Lascia un commento